Olimpiadi, Mondiali, Europei e… Giuseppe Cudia è “arbitro del 2016”

A sinistra, Giuseppe Cudia con il giornalista Franco Cammarasana.

“I prestigiosi risultati ottenuti rappresentano motivo di orgoglio e vanto per tutti i siciliani“. Con questa motivazione, l’Ussi, Unione Stampa Sportiva Italiana – Sezione Sicilia, ha premiato Giuseppe Cudia come “arbitro dell’anno”. Un riconoscimento prestigioso per il nostro giudice, che corona così una carriera internazionale straordinaria, conclusa proprio alcuni mesi fa con la finale europea di qualificazione olimpica e seconda Prova di Coppa di Coppa del Mondo, a Lucerna. Al termine dell’importantissimo appuntamento internazionale, Cudia è stato nominato giudice onorario della Fisa.

A sinistra, Giuseppe Cudia premiato dal presidente della Fisa Jean-Christophe Rolland.

Oggi, quest’ennesimo riconoscimento: “Il suo impegno ed il suo modo di interpretare l’attività sportiva sono da esempio per chi ama i veri valori dello sport”, scrive ancora l’Ussi nelle motivazioni. Questi valori sono “fondati sulla sana competizione e sul raggiungimento dei risultati attraverso una quotidiana applicazione fatta di sacrifici e rinunce”.

Del resto, senza queste caratteristiche, Cudia – che è arbitro della Fic dal 1984 – non sarebbe stato scelto come unico giudice italiano per le Olimpiadi di Londra 2012: per lui, i Giochi sono arrivati dopo 12 Campionati del Mondo, 6 Coppe del Mondo, 2 Campionati Europei e 23 Regate Internazionali.

Un curriculum, il suo, che riempie d’orgoglio il canottaggio siciliano e italiano. Perché solo la presenza di giudici preparati, puntuali, appassionati e di grande esperienza come Giuseppe Cudia – e come i suoi tanti colleghi – può permettere a questo sport di esprimersi al meglio.

A lui vanno gli auguri del Comitato siciliano di canottaggio.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*