Secondo Meeting: 14 medaglie e due qualificazioni mondiali per la Sicilia

A sinistra, Emanuele Gaetani Liseo.

Il secondo Meeting di Piediluco sorride alla Sicilia. I nostri ragazzi tornano dall’importante appuntamento nazionale con 14 medaglie – 4 d’oro, 5 d’argento e 5 di bronzo – e due qualificazioni mondiali. La regata che si è disputata sabato e domenica nel lago umbro in provincia di Terni era, infatti, selettiva – ma solo in alcune specialità – per i prossimi campionati del mondo di categoria. Le prime a staccare il pass per l’appuntamento iridato Assoluto – che si terrà dal 9 al 16 settembre in Bulgaria – sono le sorelle Giorgia e Serena Lo Bue (Sc Palermo), che stravincono la finale del due senza Pesi leggeri, col tempo di 7’40”18, staccando di quasi 20 secondi le avversarie della Lario. Le due campionesse palermitane potrebbero partecipare proprio nella gara del due senza Pesi leggeri, per la prima volta in programma da quest’anno. Le Lo Bue tornano a Palermo anche con l’oro vinto in scioltezza nel quattro di coppia Pesi leggeri con Viviana Lacagnina e Marta Naselli.

Serena e Giorgia Lo Bue.

L’altro pass mondiale – stavolta Under 23 – lo conquista Emanuele Gaetani Liseo (Telimar), vincitore del quattro senza Under 23. Ottimo risultato anche per il compagno di squadra Mirko Cardella, arrivato a una manciata di decimi dall’equipaggio di Gaetani Liseo. Motivo per cui, quasi certamente, anche Cardella – già nel giro della nazionale – andrà ai mondiali in Polonia, a luglio. 

In piedi a destra, Giulia Mignemi.

Risultati di grande prestigio anche per Giulia Mignemi (Aetna), che al Meeting ha partecipato come atleta del gruppo olimpico, su convocazione del commissario tecnico azzurro Cattaneo. Dopo l’ottima prestazione nel singolo Pesi leggeri, dove la catanese – atleta più giovane in gara – conquista la quinta piazza in finale A, per lei arrivano le medaglie, entrambe di bronzo: la prima è nel doppio Pesi leggeri, con Stefania Buttignon (Timavo), l’altra nel quattro di coppia.

Le altre medaglie – Nel due con Senior, argento per il Telimar con Ionut Brinza e Damiano Sibillo, timonati da Riccardo Zoppini (Varese): la barca palermitana precede sul traguardo per appena 24 centesimi il neoacquisto del Telimar Samuele Loconsole in barca con Armani (Aniene) e Testarella (Terni), che porta a casa il bronzo. Per Loconsole, dulcis in fundo, l’oro nell’otto Senior misto. 

Nel quattro di coppia Pesi leggeri Under 23 sale sul secondo gradino del podio l’armo palermitano misto Lauria-Sc Palermo formato da Federico Amato, Andrea Benigno, Angelo D’Amico e Guglielmo Caprì.

Nel doppio Under 23 Viviana Lacagnina e Marta Naselli (Sc Palermo) portano a casa l’argento. Così come Andrea Ruvolo (Telimar) nel quattro di coppia Senior misto Ginnastica triestina-Aniene. Nella stessa gara, settimo il Thalatta con Alessandro Amadeo, Marco Giunta, Aldo Ruta e Massimo Salemme

Nel quattro di coppia Senior femminile, Elena Armeli (Telimar) vince il bronzo nell’armo misto Idroscalo-Corgeno. Nella stessa gara, Domiziana Minissale (Thalatta) è quinta nel misto Amici del fiume-Speranza.

Tra le Ragazze, nel quattro con Junior, Beatrice Cavallaro (Ortigia) porta a casa il bronzo, nella barca mista Pro Monopoli-San Miniato. La siracusana conquista anche un buon quarto posto nella finale B del singolo Ragazze. Attardata, al settimo posto, Desiree Claudiani (Peloro)

Capitolo piazzamenti – Nel due senza Junior, l’accoppiata formata dal palermitano Gianluca Cassarà (Telimar) e dal campano Lorenzo Gagliardi (Stabia) non brilla particolarmente, a dispetto dei risultati fatti registrare al Memorial: per loro secondo posto in finale B. Cassarà è poi quarto in finale B nel quattro senza Junior misto Moto Guzzi-Fiamme Gialle.

Nel singolo Pesi leggeri Under 23, Sebastiano Galoforo (Peloro) è quarto in finale B in 7’31’07: un tempo di tutto rispetto per il campione del mondo 2017, visto che con lo stesso crono sarebbe arrivato sesto in finale A.

Nel due senza Pesi leggeri non brillano Federico Poggioli e Alessandro Brizi (Peloro), settimi al traguardo e mai in gara.

Nel quattro con Senior, Andrea Ruvolo (Telimar) conquista il quarto posto nell’armo misto Rowing Genovese. 

Nella finale A del singolo Ragazzi, Walter Sciara (Sc Palermo) e Pietro Alioto (Telimar) sono rispettivamente settimo e ottavo: per loro resta la soddisfazione di aver agguantato la prestigiosa finale A. 

Nel doppio Ragazzi, Luca Francaviglia e Francesco Lo Bue (Sc Palermo) si aggiudicano con autorevolezza la finale B col tempo di 7’12”31, crono che sarebbe valso il quarto posto nella finalissima. Spettacolare la finale A del quattro di coppia Ragazzi, dove la Sc Palermon formata da Francaviglia, Lo Bue, Sciara e Francesco La Vecchia – oro al primo Meeting – è quinta al traguardo in 6’28”24, a soli 2”49 dall’oro e a cinque decimi dal quarto: l’equipaggio giallorosso paga la stanchezza di Lo Bue e Francaviglia, reduci dalla finale del doppio disputata un’ora prima, e di Sciara che due ore prima ha fatto la finale A del singolo.

Nel quattro di coppia Junior femminile, sesto posto per Francesca D’Angelo (Sc Palermo) nel misto San Miniato-Pro Monopoli-Speranza.

Nel doppio Junior, Francesco Armetta e Giuseppe Urbano Tortorici (Lauria) conquistano il sesto posto in finale B.

Nel doppio Pesi leggeri, in finale B Giovanni Ficarra e Sebastiano Galoforo (Peloro) devono accontentarsi del quinto posto. Alle loro spalle, settimi, Amato e D’Amico della Canottieri Palermo.

Nell’otto Ragazzi, settimo Pietro Alioto (Telimar) nell’armo misto timonato da Desiree Claudiani (Peloro).

 

 

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*