Sicilia protagonista ai Tricolori di Fondo a Pisa: oro Telimar, argento Sc Palermo. Tre podi per i Master

Da sinistra, Elena Armeli, Marco Costantini ed Elena Dragotto

Pisa chiama, la Sicilia risponde. Al Campionato italiano di Gran Fondo, Tricolore Master e Meeting nazionale Allievi e Cadetti, i nostri equipaggi in gara alla Navicelli rowing marathon conquistano un oro, due argenti e due bronzi.

Partiamo dal Campionato di fondo, disputato sulla distanza di 6.000 metri. Il colpaccio – inatteso – lo mettono a segno le due Senior della Canottieri Telimar, Elena Armeli ed Elena Dragotto, che nel doppio vincono il titolo contro ogni pronostico: col tempo di 24:04:53 si sono imposte con autorevolezza su Cus Torino e Urania, “approfittando” dell’assenza improvvisa delle favorite sorelle Lo Bue (Sc Palermo), rimaste a terra per l’influenza che ha bloccato la “maggiore”, Giorgia e che stamattina è  in viaggio per Sabaudia, dove si unirà al raduno azzurro della squadra olimpica. “Siamo molto soddisfate, abbiamo fatto una grande gara, tirata fino all’ultima palata”, commenta la Armeli, che conquista il suo secondo titolo italiano nel giro di due mesi, dopo quello indoor vinto a inizio dicembre.

Soddisfazione anche in casa Canottieri Palermo, che festeggia il grande argento del quattro senza Junior con a bordo Mario Zerilli, Francesco Lo Bue, Walter Sciara e Luca Francaviglia: il quartetto allenato da Benedetto Vitale ha tagliato il traguardo in 20:50:38, a quasi 25 secondi dall’Armida e imponendo ben 24 secondi alla Gavirate. Un risultato che conferma il valore di questo equipaggio che l’anno scorso, alla Navicelli, era arrivato settimo, e che poi, nel corso della stagione, è cresciuto fino a vincere il titolo italiano in quattro con.

Ottimi risultati anche nel settore Master, dove la Sicilia vince tre medaglie. La prima, di bronzo, è del quattro di coppia under 43 Telimar misto Pullino formato dai palermitani Alessandro Di Liberti, Giorgio Giliberti e Leonardo Vasile con Alessandro Stadari: per loro l’amarezza di aver perso l’argento, vinto dal Varese, per appena otto decimi, tagliando il traguardo in 19:05.

Nella categoria 43-54, argento per il quattro di coppia misto Telimar-Cus Catania  formato dal palermitano Francesco Galante e dagli etnei Stefano Conti, Davide e Gilberto Truglio: l’equipaggio siciliano ha preceduto di 7 decimi l’Aniene. Primo il Gavirate con 25 secondi di distacco. Quinta la Sc Palermo, con Alessandro Santangelo, Daniele Taormina, Francesco Scalici e Roberto Miraglia: i giallorossi si sono giocati il quarto posto, conquistato per appena 3 decimi di vantaggio dalla barca dei Volontari del Garda.

Ultimo alloro della spedizione, il bronzo della rappresentativa regionale con l’8+ formato da Leonardo Vasile, Alessandro Di Liberti, Giorgio Giliberti, Francesco Galante (Telimar), Stefano Lo Cicero Vaina (Cus Milano), Davide Truglio, Stefano Conti, Gilberto Truglio (Cus Catania) e Serena Lo Bue (Sc Palermo) al timone. Terzi in 21:51:47, i nostri hanno mancato l’argento vinto dalla Toscana, per appena due secondi. Imprendibile la Lombardia, prima con 28 secondi di distacco.

E se questo è il quadro delle medaglie, ecco quello dei piazzamenti. Nel doppio Ragazze, bel settimo posto per Martina Scarpello e Sofia Naselli col tempo di 25:48:16, a un minuto dal podio. Nel doppio Ragazzi, 19esimo posto per Angelo Civiletto e Pietro Puglia (Sc Palermo), in 24:03:02, mentre Vito Rosalia e Umberto Sichili (Cus Catania) sono 31esimi in 24:48:85. Nel doppio Pesi leggeri, sono decimi Francesco Armetta e Andrea Benigno (Lauria), al traguardo in 22:47:72, mentre sono quindicesimi i compagni di squadra Armando Barraja e Riccardo Leo, in 23:21:67. Nel doppio Under 23, Federico Amato e Angelo D’Amico (Sc Palermo) sono dodicesimi in 22:41:56.

 

 

Foto di N. De Neri.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*