Gaetani Liseo e la Mignemi volano all’Europeo di Poznan. Costantini: “Tokyo? Difficile, ma…”

A destra, Emanuele Gaetani Liseo.

Due siciliani staccano il biglietto per il Campionato europeo Assoluto, Pesi leggeri e Pararowing che si disputerà a Poznan, in Polonia, dal 9 all’11 ottobre: si tratta di Emanuele Gaetani Liseo (Telimar) e Giulia Mignemi (Aetna). L’atleta palermitano e la “collega” catanese hanno superato le ultime fasi dei raduni valutativi con la squadra nazionale, riuscendo a conquistare un posto in barca.

Il colpaccio di Gaetani Liseo

Il colpo più importante lo mette a segno Gaetani Liseo che sale sull’otto Senior, barca ancora in corsa per la qualificazione olimpica e che arriva in Polonia con l’obiettivo di confrontarsi con nazioni ben più quotate e che hanno già conquistato il posto per i Giochi di Tokyo. Diversa è la posizione della neo campionessa europea Under 23, Giulia Mignemi: l’atleta allenata dal papà Antonio, e che da anni si allena sul lago di Varese, gareggerà nella specialità del quattro di coppia Pesi leggeri, specialità non olimpica. Per lei, il sogno a cinque cerchi è più lontano visto che gli unici due posti disponibili sono quelli in doppio, già occupati da Federica Cesarini e Valentina Rodini. Al momento, resta la grande soddisfazione di essere tra le migliori sei azzurre Pesi leggeri.

Da sinistra, Silvia Crosio e Giulia Mignemi durante la finale agli Europei Under 23 del 2020.

Costantini: “Un uomo e una donna Telimar ai Giochi di Parigi 2024”

Quanto a Gaetani Liseo, c’è grande trepidazione in casa Telimar, come ci racconta il suo allenatore, Marco Costantini. “E’ un traguardo molto importante considerato che Emanuele viene da uno stop di un anno dal canottaggio. Approfittando del periodo di chiusura per il covid, si è messo sotto al remoergometro. Il fatto di essere nel gruppo Senior A è un obiettivo importantissimo per noi. Al di là di quello che abbiamo vinto, soprattutto con Luca Moncada, questa è la prima volta che riusciamo ad avere un atleta Senior che abbia le caratteristiche per poter ambire a un posto da titolare. Siamo solo all’inizio di questo percorso, perché Emanuele è molto giovane e il nostro obiettivo era essere in squadra A nel 2021 e poi pensare in prospettiva alla preparazione per Parigi 2024″, continua Costantini. “La qualificazione è difficile, c’è un solo posto per Tokyo, però non è impossibile. Per me, come allenatore, è una ulteriore soddisfazione e conferma che in tutti questi anni – con l’aiuto del presidente del Telimar Marcello Gilberti, del direttore sportivo Giorgio Giliberti e della vice presidente Federica Giliberti – io sia riuscito a tirare fuori uomini di valore insieme allo staff. Il Telimar si conferma fucina di atleti di valore. Tra questi c’è anche Elena Armeli, con cui stiamo lavorando sodo: il nostro obiettivo è inserire nella squadra olimpica per i Giochi di Parigi anche lei e di avere, così, un uomo e una donna”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*