Mondiali junior: Cardella quarto per 37 centesimi

L'Italia punta a punta con la Germania negli ultimi metri della finale
L'Italia punta a punta con la Germania negli ultimi metri della finale
L’Italia punta a punta con la Germania negli ultimi metri della finale

C’è voluto il fotofinish per stabilire l’ordine di arrivo della finale dell’otto maschile ai mondiali Junior di Rio de Janeiro. L’occhio elettronico è stato implacabile: l’Italia, con a bordo il nostro Mirko Cardella (Telimar), non è salita sul podio per 37 centesimi. Col tempo di 5.54.65 gli azzurrini si sono arresi alla Germania (5.54.28), agli Stati Uniti (5.53.28) e all’irraggiungibile Olanda (5.51.74). Una medaglia, quella iridata, sfuggita per una condotta di gara troppo timida nelle prime fasi.

Da sinistra, Mirko Cardella durante la partenza in batteria
Da sinistra, Mirko Cardella durante la partenza in batteria

 

LA CRONACA: Dopo una partenza lenta, l’Italia è quinta a 1”60 dagli Stati Uniti (che gli azzurri avevano battuto in batteria), ma è al passaggio ai 1000 metri che la nostra barca perde il posto sul podio: a metà gara, infatti, gli azzurri passano ancora col quarto tempo, risucchiando però terreno alla Germania, partita fin troppo decisa. Mentre per l’oro è un testa a testa tra gli Usa e un’Olanda arrembante (partita lentissima e arrivata come un razzo agli ultimi 500), la lotta per la terza posizione è tra Germania e Italia. I tedeschi sono avanti di meno di mezzo secondo, quanto basta per contenere un’Italia leggermente più voloce, ma non abbastanza per strappargli il bronzo.

Per il palermitano Cardella, così come per i compagni, si tratta di un risultato amaro, al di sotto delle aspettative, sebbene, nonostante il primo posto in batteria dell’Italia, fosse difficile fare un pronostico sulla finale: i valori espressi nelle qualificazioni tra i primi cinque equipaggi erano infatti troppo simili per far dormire sonni tranquilli agli azzurri.

Quanto alla spedizione della nostra Nazionale, l’Italia chiude seconda nel medagliere, dietro alla Germania, con 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*