Sicilia col botto ai Tricolori Ragazzi, Under 23: un oro, due argenti, un bronzo e sei finali

La Sicilia protagonista ai Campionati italiani Ragazzi e Under 23 di Gavirate, sul lago di Varese. I nostri ragazzi tornano a casa con un oro, due argenti, un bronzo e sei piazzamenti nella finali di oggi.

Da sinistra, Sebastiano Galoforo, Alda Cama e Giovanni Ficarra.

Il titolo porta la firma di Giovanni Ficarra e Sebastiano Galoforo (Peloro), che nel due senza Pesi leggeri Under 23 hanno tagliato per primi il traguardo col tempo di 6’46.23. Niente da fare per il Cerea, staccato di quasi tre secondi. Per Ficarra si tratta del terzo titolo italiano consecutivo in questa specialità, mentre per il giovanissimo Galoforo, ancora Junior, è il primo oro a un campionato italiano. Grande festa sul podio, davanti agli occhi soddisfatti dell’allenatrice del Peloro Alda Cama e dei genitori di Sebastiano, Vincenzo e Valentina, allenatori del Cn Augusta. “Siamo felicissimi”, commentano papà e mamma, “è un titolo che aspettavamo dopo una stagione complicata”.

Da sinistra, Giorgia Lo Bue, Viviana Lacagnina, Serena Lo Bue e Marta Naselli.
Da sinistra, Giorgia Lo Bue, Viviana Lacagnina, Serena Lo Bue e Marta Naselli.

I due argenti della giornata hanno i colori della Sc Palermo. Il primo, per merito della campionessa del mondo Under 23 Giorgia Lo Bue e della nuova compagna di barca Viviana Lacagnina, l’anno scorso ancora Esordiente. Le due atlete si sono arrese solo alle altre azzurre Noseda e Sala della Lario, prime con quasi cinque secondi di distacco. “E’ un grandissimo risultato”, dice Giorgia Lo Bue, “perché le prime preparavano questa gara da mesi e dietro di noi sono arrivate avversarie che stanno nel giro della Nazionale. E poi questa medaglia arriva dopo un importante percorso di crescita con Viviana, non abituata a gareggiare a certi livelli: sono soddisfatta perché ho fatto un po’ da chioccia per lei, le ho insegnato il giusto approccio alla gara“. Ancora incredula anche Lacagnina: “Pensavamo di poter arrivare terze, invece abbiamo preso un argento straordinario”.

Per le due atlete non è stata l’unica medaglia della giornata: insieme a Serena Lo Bue e alla Junior Marta Naselli hanno conquistato l’argento nel quattro di coppia Pesi leggeri Under 23. Troppo lontano il Varese, primo con 6”68 di distacco. “Ma per loro è stata l’unica gara, erano molto più fresche di noi che eravamo stremate dal doppio”, spiega Giorgia Lo Bue.

Da sinistra, Eugeniu Zabolotnii, Alberto Conti, Mirko Cardella e Emanuele Gaetani Liseo.
Da sinistra, Eugeniu Zabolotnii, Alberto Conti, Mirko Cardella e Emanuele Gaetani Liseo.

L’ultima medaglia, forse la più spettacolare, è il bronzo strappato con autorità dal quattro di coppia Under 23 del Telimar con a capovoga l’azzurro Emanuele Gaetani Liseo, seguito da Mirko Cardella, Eugeniu Zabolotnii e Alberto Conti. I quattro palermitani sono stati protagonisti di un gran finale a ridosso del Cerea, secondo staccato di 1”6, e della Canottieri Firenze, prima con 2”9 di vantaggio.

Il quattro di coppia del Lauria
Il quattro di coppia del Lauria.

Quanto agli altri risultati, tornano a casa soddisfatte Fiamma Cusumano e Francesca D’Angelo (Sc Palermo), settime nel doppio Ragazze, oltre che l’ottimo singolista Gianluca Cassarà (Telimar) ottavo nella finale Ragazzi. Nel quattro di coppia Ragazzi, settimi Giuseppe Urbano, Calogero Galletto, Guglielmo Caprì e Francesco Armetta (Lauria): un buon risultato visto che sono ancora Ragazzi primo anno. Dietro di loro, nella stessa finale, Giovanni e Andrea Benigno, Vincenzo D’Amelio e Gaetano Macaluso (Sc Palermo), protagonisti di una prestazione soddisfacente.

 

Giulia Mignemi
Giulia Mignemi.

Tra i Pesi leggeri, ottima figura per Giulia Mignemi (Aetna): nonostante sia ancora primo anno Junior, è giunta ottava nel singolo Pesi leggeri Under 23. Bel sesto posto anche per Stefano Agliastro e Claudio Landolina (Lauria), nel doppio Pesi leggeri Under 23.

 

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*